Uber: nuove funzioni di sicurezza disponibili in Italia

Uber detta le nuove norme per la sicurezza in Italia, dove ad accoglierci c'è un nuovo changelog con importanti cambiamenti attivi a partire dalla nuova versione dell'applicazione. Il Centro di Sicurezza si rinnova integrandosi ad altre funzioni necessarie che descriviamo subito.

0
78

Uber detta le nuove norme per la sicurezza in Italia, dove ad accoglierci c’è un nuovo changelog con importanti cambiamenti attivi a partire dalla nuova versione dell’applicazione. Il Centro di Sicurezza si rinnova integrandosi ad altre funzioni necessarie che descriviamo subito.

 

Uber: in Italia cambiano le regole di sicurezza

Alcune novità annunciate sul finire di Settembre negli States trovano ora applicazione anche a Roma e Milano, le città italiane in cui Uber attualmente opera con il servizio di trasporto.

Tra le novità di primo piano c’è la possibilità di segnalare problemi durante il viaggio e prevedere l’inoltro rapido di un messaggio di emergenza alle autorità con dati su posizione ed autista. Tutte le funzionalità introdotte si possono così riassumere:

  • Verifica della corsa – Per essere sicuri di salire sull’auto giusta sarà possibile richiedere un PIN a quattro cifre da riferire verbalmente all’autista. L’autista sarà in grado di iniziare il viaggio solo dopo aver inserito il PIN corretto nell’applicazione. Lo step successivo sarà utilizzare le onde ultrasoniche per verificare automaticamente la macchina giusta.
  • Segnalazione in viaggio – Non sarà più necessario aspettare di uscire dall’auto per segnalare un problema a Uber. Presto i driver avranno a disposizione nel proprio toolkit di sicurezza l’opzione “Segnala incidente di sicurezza” che permetterà loro di far presente eventuali problemi durante il viaggio. Il team di sicurezza di Uber si occuperà di risolvere il problema alla fine della corsa.
  • Chiamata al numero di emergenza – Nell’app era già presente il pulsante di emergenza per mettere in contatto i driver direttamente al 112. In alcuni Paesi come gli USA c’è ora la possibilità di inviare un messaggio di testo al 911 con i dettagli del viaggio, come marca e modello dell’auto, targa e posizione, in modo che gli operatori possano intervenire più rapidamente.
  • Controllo ID – Nel 2016 è stato annunciato il Real-Time ID Check, il sistema che aiuta a garantire che il driver al volante corrisponda all’account del sistema Uber. Inizialmente veniva effettuato il controllo tramite i selfie dei conducenti, ora invece il guidatore dovrà eseguire una serie di movimenti di base – sbattere le palpebre, sorridere e girare la testa – per il riconoscimento, per un più alto livello di sicurezza.
  • Avvisi di piste ciclabili – Entro la fine di ottobre, i passeggeri di oltre 200 città in tutto il mondo riceveranno una notifica in-app quando vengono lasciati in prossimità di una corsia ciclabile. Questo promemoria aiuterà ad aumentare il livello di attenzione verso i ciclisti prima di aprire la portiera.