Truffa della bottiglia di plastica nella ruota dell’auto

La nuova truffa della bottiglietta di plastica inserita nella ruota dell'auto è una nuova trovata criminale per rubare le vetture.

0
52

L’ultimo stadio del genio criminale mette a rischio le auto degli italiani con la truffa della bottiglia incastrata sotto le ruote. Il trucco si rivela efficace per rubare le auto in Italia, dove cresce il numero di denunce che ogni giorno giunge all’attenzione delle Forze dell’Ordine. Uno stratagemma davvero incredibile, di cui si sta facendo un gran discutere in questi giorni.

La nuova truffa della bottiglia incastrata nel passa ruota: ecco coma riescono a rubarti l’auto

Come funziona questo ingegnoso sistema? Semplice, si spiega così. Il ladro che adocchia una vettura di proprio interesse posiziona una bottiglia di plastica nel vano della ruota anteriore. Non è facile vederla in quanto occorre prestare molta attenzione alla propria vettura. Nel momento in cui si pare si sente un rumore strano ed assordante provenire dalla parte sottostante al mezzo. Ovviamente si tratta del corpo estraneo piazzato ad hoc dal malintenzionato. A questo punto, colto dalla sorpresa, l’automobilista scende per sincerarsi delle condizioni del mezzo e, a quel punto, è un attimo prima di vedere il ladro sfrecciare via con la macchina. Motore acceso, chiavi inserite ed auto che se ne va via sotto i nostri occhi.

Questo metodo sta mietendo molte vittime, con la Polizia Stradale costantemente impegnata a sgominare simili manovre. Esistono alcune precauzioni da prendere. Come prima cosa occorre controllare le gomme e lo stato generale dell’auto. Anche un piccolo particolare può essere il segnale di imminente pericolo. Prestare attenzione a tutto ciò che non sembra convincente.

Se vi suona il campanello d’allarme è fondamentale NON SCENDERE DAL MEZZO. Proseguire normalmente la marcia allontanandosi rapidamente dal luogo del misfatto. Chiudere bene le portiere servendosi dei meccanismi di blocco automatico e contattare immediatamente Polizia o Carabinieri per attirare l’attenzione su eventuali malintenzionati che potrebbero trovarsi nella zona del fatto.