Tesla sfida gli hacker a violare la sua Model 3

Tesla sfida i criminali informatici a violare le sue Model 3. Elon Musk lancia la sfida per la sicurezza delle sue automobili intelligenti.

0
71

Tesla sfida i criminali informatici a violare le sue Model 3. Elon Musk lancia la sfida per la sicurezza delle sue automobili intelligenti. Lo scorso anno l’azienda partecipò a Pwn2Own, una competizione dedicata ai “white hat” in cui gli hacker hanno lavorato allo scopo di individuare falle di sicurezza che portassero all’individuazione di un nuovo protocollo  o servizio di sicurezza aggiornato. Il tutto organizzato da Trend Micro Zero Day Initiative (ZDI).

Nell’occasione il costruttore americano regalava la sua Tesla Model 3. La vittoria andò ad una coppia di hacker che sfruttando un “bug nel render JIT” presero il controllo dell’auto che poi si portarono a casa come premio. La sfida ora continua.

 

Tesla Model 3: vediamo se riesci a violarla

La particolare competizione attira grandi comunità di hacker da tutto il mondo. L’edizione 2020 di Pwn2Own lancia il guanto di sfida con premi che saranno ancora più importanti. Ci sarà sempre la possibilità di portarsi a casa una fiammante Tesla Model 3, entrata nella top ten delle auto più vendute del 2019.

Ma le cose stavolta non saranno così facili come sempre. I White Hat dovranno districarsi su diversi livelli di sicurezza e per ognuno sono previsti degli specifici premi. Complessivamente si potrà arrivare a vincere anche circa 700.000 dollari oltre che l’ambita auto elettrica. La competizione si terrà a marzo a Vancouver.

Il tutto allo scopo di rendere sicura l’auto. Tesla lo ha capito con il tempo e dai suoi errori passati. Offrire la massima sicurezza ai propri utenti è qualcosa da cui non si può mai prescindere.