Tesla criticata da NTSB per ilsuo Autopilot: crea troppe distrazioni

Tesla accoglie le critiche della National Transportation Safety Board (NTSB) dopo la pubblicazione di un rapporto che ammonisce il sistema Autopilot.

0
86

Tesla accoglie le critiche della National Transportation Safety Board (NTSB) dopo la pubblicazione di un rapporto che ammonisce il sistema Autopilot. Gli ultimi due disastrosi incidenti non hanno sicuramente giovato alla credibilità di Elon Musk, ora costretto ad ammettere una sonora sconfitta dopo la pioggia di invettive dell’ultimo report ufficiale dell’ente.

Il sistema di guida assistita del noto brand americano è accusato degli ultimi sinistri stradali che hanno come protagoniste le vetture della serie Model X e Model 3. Dopo i resoconti delle indagini si è arrivati ad una constatazione dei fatti che sminuisce il lavoro degli addetti Tesla, ora chiamati ad un pronto intervento.

 

Tesla Autopilot: crea distrazioni ed incidenti, bisogna farci attenzione

Nel corso delle indagini sui sinistri stradali commessi dai conducenti è emerso un dato sconcertante sul passivismo degli automobilisti. In uno degli episodi l’uomo al volante si era completamente affidato al sistema guidato perdendo del tutto la concentrazione durante l’uso del telefono in auto. Nell’altra occasione l’incidente mortale della Tesla Model 3 aveva visto la collisione dell’auto contro un rimorchio di un camion in autostrada. Occasione, quest’ultima, in cui si era posta enfasi sullo stato di colpevolezza del camionista accusato di mancata data precedenza all’auto. Le critiche, ad ogni modo, si sono alimentate anche contro la società americana.

La NTSB sottolinea che a favorire l’incidente c’è stata anche la disattenzione del guidatore a causa dell’eccessiva dipendenza dal sistema di guida assistita che non gli ha permesso di reagire in tempo. Dure sono state le parole dell’Agenzia che ha ammonito la scarsa maturità dei sistemi nei confronti dei diversi scenari stradali. Affidarsi troppo alla tecnologia non è mai un bene. Dalla distrazione all’incidente passa un attimo.