Stellantis: nuovo accordo con Israele, parte lo sviluppo di nuove tecnologie per la mobilità

Stellantis si accorda con la celebre azienda israeliana Israel Innovation Authority al fine di ricercare nuove tecnologie applicabili nell'ambito dell'automotive

0
73

Ancora una volta il gruppo Stellantis fa sentire la sua voce nel mondo delle auto raggiungendo un accordo con delle aziende tecnologiche israeliane. Tra queste quella che si è accordata con la famosa azienda italiana c’è Israel Innovation Authority, al fine di avere una collaborazione che potrà portare innovazione nell’ambiente automotive.

Il compito di questa azienda israeliana è quello di perseguire e sviluppare risorse interne in modo da rafforzare l’infrastruttura e tutte le condizioni necessarie a sostenere l’industria della conoscenza mediante strumenti e piattaforme di finanziamento. L’accordo con Stellantis prevede che la nota azienda israeliana dia una mano al gruppo italiano per individuare nuovi progetti di sviluppo tecnologico.

 

Stellantis: un nuovo simbolo per collaborazioni e progetti con aziende europee

Roberto Di Stefano, responsabile e-Mobility di Stellantis ha dichiarato:

Per una società globale come la nostra è essenziale prestare attenzione alle idee generate nelle startup e fornire risorse per sostenere la loro capacità di proporre tecnologie innovative, che puntano a un futuro più sostenibile. Sin dalla sua nascita alcuni anni fa il team e-Mobility è sempre stato molto attento alle proposte di queste realtà innovative e ha osservato con crescente interesse le opportunità da esse offerte e la possibilità di promuovere future partnership. Questo accordo permetterà al nostro gruppo di premere sull’acceleratore in vista dello sviluppo di un modello unico di collaborazione con le startup israeliane e di partnership esclusiva con la Israel Innovation Authority“.

Roberto Fedeli, amministratore delegato del Centro Ricerche Fca ha proseguito:

Questo memorandum d’intesa rappresenta la formalizzazione delle attuali relazioni proficue con il panorama israeliano e costituisce un ulteriore stimolo per sostenere progetti di collaborazione con le startup locali selezionate dal CRF in varie aree delle tecnologie avanzate, quali assistenza alla guida, cybersecurity, Industry 4.0“.