Sony e i sensori AI sui semafori: a Roma il nuovo progetto per la smart city

Pare che i primi sussulti per una smart city provengano da Sony che in questo caso intende lanciare dei sensori da apporre sui semafori

0
27

La viabilità del futuro si avvicina sempre di più e le aziende stanno provando a dare le prime prove di smart city. A quanto pare anche i colossi più importanti ci starebbero impegnando per portare a termine dei progetti ambiziosi, come starebbe facendo Sony. La nota azienda ha deciso infatti di provare l’istallazione di alcuni sensori intelligenti che gestiscano i parcheggi, gli attraversamenti pedonali così come il trasporto pubblico.

Il tutto con sensori di immagine IMX500, i quali saranno dotati di intelligenza artificiale proprio per supportare i controlli e per risolvere i vari problemi. I primi esperimenti avverranno a Roma all’interno del nuovo progetto che sarà in collaborazione con Citelum ed Envision. Saranno infatti installati tre puntali smart su alcuni semafori al centro della città. Queste le parole di Antonio Avitabile, Managing Director of Corporate Alliance:

“La nostra ambizione è rendere le città più sostenibili e vivibili e, attraverso la piattaforma scalabile IMX500, siamo in grado di accelerare in misura sostanziale questo processo.”

Lo scopo di Sony è riuscire a far capire quali potranno essere i benefici ottenibili da questo tipo di tecnologia intelligente.

“L’ambizione è quella di guidare l’adozione di queste nuove tecnologie nelle nostre città”, puntualizza Avitabile, “occorre un giusto bilanciamento fra Capex e Opex, ma occorre anche del tempo e soprattutto la capacità di cogliere i ritorni dell’investimento che possono derivare dall’ammodernamento delle infrastrutture”.