Smart, nuove auto in arrivo: lo scopo è rendere l’elettrico più comune

Il CEO di Smart Italia parla di un rinnovamento del marcio e della volontà di sdoganare l'elettrico facendolo diventare più comune

0
41

Ad Automoto.it è stata rilasciata un’intervista da Lucio Tropea, il quale da qualche settimana riveste il ruolo di CEO nella nuova società Smart Italia Srl.

Il manager ha dichiarato chiaramente di voler rendere l’elettrico molto più comune rispetto a quanto non lo sia adesso. Con le nuove auto che arriveranno dunque in casa Smart si punterà ad una diffusione di eco sostenibilità.

Ho accettato questo nuovo incarico dopo aver visto cosa c’è dietro al progetto di rinnovamento del brand smart: un programma importante, che ritengo potrà essere capace di togliere l’elettrico dalla nicchia in cui oggi risiede. Per come saprà offrire soluzioni in termini di costi, di servizi, ma anche e soprattutto di appetibilità dei prodotti. Sono un curioso utilizzatore dei prodotti offerti oggi sul mercato, mi confronto con il lavoro di Tesla e di Volkswagen, per citare due brand diversi per ambizioni di diffusione dei prodotti 100% elettrici. Li osservo con attenzione e ne colgo le peculiarità. Ma ciò che stiamo facendo con smart sarà diverso. Reinventeremo lo spazio a bordo, come potrete presto vedere con il nuovo piccolo (solo esternamente) Suv, che sarà svelato entro fine anno. Piccolo fuori e grande dentro. Capace di portare con se lo spirito di innovazione di smart: reinventare lo spazio“.

“Saremo innovatori anche in termini di vendita. Daremo la possibilità ai clienti di scegliere se acquistare l’auto completamente online, oppure di recarsi in concessionaria. Avremo formule di pagamento capaci di soddisfare le ultime tendenze della subscription economy, con sistemi di “abbonamento mensile“, ma aggiungendoci qualcosa che oggi non esiste sul mercato e che non posso ancora anticiparvi. L’obiettivo sarà velocizzare le pratiche, rendere l’acquisto semplice e veloce… smart. I progetti della nuova smart non si esauriranno con il B-Suv, ma saranno ricchi di novità ed è proprio questa visione che mi ha convinto ad affrontare con entusiasmo questa nuova esperienza”.