Quarantena breve, spostamenti tra Regioni e rinvii: ecco le novità della pandemia

Siamo stati in quarantena per mesi ma presto si potrà tornare gradualmente alla normalità con lo sblocco degli spostamenti tra Regioni.

0
138

Siamo stati in quarantena per mesi ma presto si potrà tornare gradualmente alla normalità con lo sblocco degli spostamenti tra Regioni. Saranno tante le novità che entreranno in vigore a partire dal prossimo 4 giugno 2020 dopo la diramazione dei nuovi dati del Ministero della Salute dal quale dipendono gli esiti sulle decisioni finali in merito a numerosi cambiamenti. Scopriamo quali potrebbero essere.

 

Quarantena: arrivo di numerosi cambiamenti dopo la valutazione del contagio Covid

Nella giornata del 29 maggio 2020 sono stati resi noti i dati sul monitoraggio dei contagi da parte del Ministero della Salute che ha deliberato a favore di un parziale ritorno alla normalità. Si parla di riapertura scaglionata con alcune Regioni chiave come LombardiaPiemonte e Umbria che potrebbero consentire gli spostamenti in ritardo di 1-2 settimane rispetto al Sud Italia

La riapertura verrà posticipata di 7 giorni per tutti in modo tale da arginare ogni potenziale problema. Tra le ipotesi degli spostamenti interregionali spunta intanto l’ipotesi del 10 giugno 2020 quale data utile per le trasferte che dovranno essere proporzionate in base al numero di contagi a tutela dei cittadini. Si comincia quindi dal 3 giugno con un “liberi tutti” da attuarsi in modo omogeneo solo a partire dal 10 giugno.

Per i turisti spunta l’ipotesi di quarantena breve di 4 – 5 giorni per chi entra in alcune zone, per escludere la possibilità che abbia contratto il virus. Lo spostamento tra Regione potrà avvenire senza autocertificazione per turismo o in visita a parenti ed amici.