Prezzi Carburante in aumento: ritocchi ingiustificati ai prezzi di Diesel e Benzina

Durante la Fase 1 del Covid-19 prezzi del carburante si sono assestati su livelli più che ragionevoli. Tutto finito con i nuovi aumenti improvvisi.

0
75
aumento prezzi diesel 2020

Durante la Fase 1 del Covid-19 prezzi del carburante si sono assestati su livelli più che ragionevoli. Non è stato raro scoprire il gasolio a meno di 1.20 euro al litro con la benzina che ha raggiunto un record di minimo storico per il prezzo al dettaglio anche in modalità servito. Eppure tutto questo sembra non essere servito a nulla visto che ultimamente si stanno muovendo della accuse in merito ad un repentino aumento prezzi sanzionato dal Codacons.

 

Prezzi Diesel e Benzina modificati nonostante il costo minimo al barile

In merito alla vicenda le associazioni dei consumatori si sono espresse con alcune riserve dopo la ripartenza nazionale in Fase 2. A tal proposito è stato detto che:

«Ancora una volta assistiamo ad aumenti dei prezzi di benzina e gasolio che vanno di pari passo con la crescita dei consumi di carburante da parte delle famiglie. Con la ripartenza degli esercizi e l’ingresso nella Fase 2, infatti, gli italiani possono tornare a muoversi con maggiore libertà utilizzando di nuovo le proprie automobili, e stranamente i prezzi alla pompa crescono proprio in questi giorni, provocando un maggior esborso per i rifornimenti».

Trattasi chiaramente di una manovra strategica da parte delle grandi multinazionali del petrolio che non possono giustificare certo un tale aumento di listino a fronte di un prezzo all’ingrosso davvero ridicolo se equiparato alle statistiche medie del periodo immediatamente precedente la pandemia.

Carlo Rienzi, presidente del Codacons, ha infatti ammonito questa condotta immorale ed opportunista dicendo che:

«Rialzi dei listini che appaiono ancor più ingiustificati se si considera che le compagnie petrolifere hanno acquistato nelle settimane scorse i carburanti venduti oggi sulla rete, quando cioè le quotazioni del greggio erano al minimo storico. Pertanto gli incrementi alla pompa produrranno un danno economico per una moltitudine di italiani che con la Fase 2 ha ripreso a muoversi in automobile».