Pneumatici: livelli di pressione ideali per estate ed inverno

Gli pneumatici garantiscono un viaggio comodo e sicuro. Rappresentano una parte fondamentale del veicolo. Hanno bisogno di una pressione ideale.

0
55
sicurezza pneumatici lisci auto

Gli pneumatici garantiscono un viaggio comodo e sicuro. Rappresentano una parte fondamentale del veicolo. Hanno bisogno di una pressione ideale per funzionare correttamente. Le migliori performance si ottengono soltanto rispettando ben determinati parametri che indichiamo in questa breve guida alla cura delle gomme invernali ed estive.

 

Pneumatici: livello di pressione ideale per un viaggio in sicurezza

La manutenzione degli pneumatici non deve essere sottovalutata al pari di quella da dedicare alle parti meccaniche interne cui interviene il tagliando. Le condizioni ideali di utilizzo prevedono un’attenta analisi prima di un lungo viaggio.

Le auto moderne sono equipaggiate per legge con degli speciali sensori capaci di monitorare costantemente la pressione degli pneumatici (TPMS), avvertendo l’automobilista di eventuali anomalie tramite messaggi luminosi e sonori generati dal computer di bordo della vettura.

Nel caso in cui ciò non fosse possibile è bene considerare una manutenzione periodica con controlli di pressione da fare in privato, presso le stazioni di servizio o dal proprio gommista di fiducia. In particolare una cattiva manutenzione delle componenti implica le seguenti conseguenze in caso di pneumatici sgonfi:

  • Aumento dei consumi di carburante
  • Aumento della rumorosità durante la marcia
  • Aumento degli spazi di frenata, specie sul bagnato
  • Minore tenuta di strada
  • Usura precoce delle parti laterali del battistrada e dei cerchi
  • Aumento del fenomeno dell’acquaplaning

Nell’ipotesi di gomme troppo gonfie, invece, si incorre in:

  • Deformazione dello pneumatico
  • Usura precoce della parte centrale del battistrada
  • Aumento dei consumi di carburante
  • Minore tenuta di strada
  • Confort di marcia peggiorato

Le tabelle dei valori perfetti indicano per gli pneumatici estivi una pressione compresa tra 2.0 e 3.0 bar con uno scarto in eccesso di 0.2 bar da applicare in caso di gomme invernali in considerazione. dell’abbassamento di pressione indotto dal freddo. In caso di valori errati  si rischia di usurare la copertura fino al 20% in più nello stesso arco di chilometri percorsi. A questo bisogna aggiungere un aumento dei consumi di carburante nell’ordine del 6%.