Mercato auto in Italia: diminuzione notevole e preoccupazioni, ecco i dettagli

I dati del mercato auto in Italia durante gli scorsi mesi estivi hanno fatto capire quanto il calo sia stato notevole, ecco tutti i dettagli in merito

0
40

Durante i mesi estivi il mercato delle auto in Italia è diminuito in maniera abbastanza notevole con un 23,6% in meno rispetto all’anno precedente e il 26,4% in meno rispetto al 2019.

Si tratta di dati molto pesanti che quindi portano le nazioni a dover fare qualcosa per risollevare il settore automotive nel più breve tempo possibile.

Preoccupante la situazione in Italia dove mancano piani che portino sostegno, proprio come fa notare Andrea Cardinali, Direttore generale dell’associazione Unrae:

«In Italia rispetto ai maggiori mercati europei, manca ancora un piano strategico di sostegno al settore auto e di incentivo per puntare al raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione, sia quelli molto stringenti già in vigore sia quelli previsti dall’ancor più ambizioso pacchetto della Commissione UE per la riduzione del 55% delle emissioni entro il 2035. In Germania, il Governo ha già stanziato fino al 2025 oltre 5 miliardi di euro per sostenere la domanda di auto elettriche e plug-in hybrid, per la sostituzione dei veicoli industriali circolanti e per lo sviluppo di infrastrutture di ricarica. Anche la Francia ha assegnato circa un miliardo del PNRR per l’acquisto di veicoli elettrici, 1,1 miliardi per il rinnovo del parco circolante, aggiungendo anche altri 100 milioni al piano nazionale già varato nel 2018, con un obiettivo di 7 milioni di infrastrutture di ricarica elettriche nel 2030. In Italia il PNRR indica solo un generico obiettivo per il 2026 senza nessun cronoprogramma, e dimentica del tutto il sostegno alla domanda e lo svecchiamento del parco circolante, mentre l’Ecobonus vigente, già depotenziato e con i fondi in via di esaurimento, non è stato ancora rifinanziato nemmeno per il 2022».