Luna Rossa: a spingere l’imbarcazione ecco cilindri in titanio e la mano della Cariboni

L'apporto della Caribni Srl è stato fondamentale per Luna Rossa durante l'ultima Coppa America ancora in corso, scopriamo quali sono i componenti forniti dall'azienda

0
51

Luna Rossa sta dando spettacolo durante l’attuale Coppa America, andando oltre ogni pronostico e mettendo in netta difficoltà anche New Zeland. Ma quali sono i segreti del miracolo della vela italiana?

In molti si focalizzano su ciò che si vede all’esterno e quindi sullo scafo oltre che sulla vela stessa, ma sotto al cofano ci sono tante carte vincenti. Ebbene Luna Rossa è pervasa da cilindri, pompe, giunti e valvole che corrispondono solo ad una parte dei componenti meccanici in titanio che uniscono i 2 foil. Le attrezzature oleodinamiche sono quindi il cuore dell’imbarcazione, la quale può quindi fondarsi, oltre che sugli sponsor Prada e Pirelli, sull’azienda Cariboni Srl di Ronco Briantino. I suoi componenti oleodinamici riescono a concedere dunque quel quid in più a scafo, albero e timone.

 

Luna Rossa, la Cariboni rende l’imbarcazione vicina alla perfezione con le sue attrezzature oleodinamiche

Luna Rossa ha ottenuto proprio dalla Cariboni Srl varie attrezzature oleodinamiche. Le barche hanno ricevuto ad esempio cilindri di titanio di movimentazione degli arm e pezzi di titanio di giunzione degli stessi ai cilindri e allo scafo.

Luna Rossa invece ha ottenuto l’intero impianto oleodinamico, il quale è stato accompagnato da pompe, valvole, cilindri, parti meccaniche e distributori d’olio.

 

Gianni Cariboni spiega l’impatto con la pandemia

Il 2020 è stato un anno difficile più che altro per la gestione di un evento imprevedibile, in quanto lavorando con tutto il mondo, il mondo non si è fermato tutto insieme, quindi è stato difficile riorganizzarsi per poter accontentare tutti. Consideri che abbiamo fornito tutti e 4 i team di Coppa America; se l’Europa era ferma, inizialmente Stati Uniti e Nuova Zelanda procedevano. Di certo tutti gli eventi sono stati cancellati, quindi le barche sono state utilizzate pochissimo e l’incertezza dei mercati ha portato a un rallentamento generale. Essere i fornitori di tutti e 4 i team ci ha permesso sempre di lavorare. Possiamo ritenerci fortunati rispetto ad altre realtà“.