Logistica: a rischio oltre 500.000 posti di lavoro

Nel settore dimpiego della Logistica la situazione appare abbastanza critica dopo la nuova fiducia riporta nei confronti del progresso tecnico che taglia posti di lavoro.

0
97
Laso Trasporti Italia Logistica e Spedizione

Nel settore di impiego della Logistica la situazione appare abbastanza critica dopo la nuova fiducia riporta nei confronti del progresso tecnico che taglia posti di lavoro. Secondo il Randstad Reserch l’innovazione robotica eliminerà il ruolo umano dei carrellisti e degli imballatori. A rischio ci sarebbero oltre 500.000 lavoratori in tutto il mondo. Secondo il curatore della ricerca, Daniele Fano:

“Serve formazione per convertire i carrellisti in tecnici e per preparare i nuovi manager del settore, quelli che un tempo si chiamavano spedizionieri”.

 

Logistica a rischio: posti di lavoro vacanti occupati dalle componenti tecnologiche

Il settore della Logistica è in netta crescita secondo le stime ed i dati degli ultimi anni. Traina il progresso globale del commercio ma rischia di tagliare fuori tantissimi lavoratori. Pare ci si debba preparare ad un avvenire incerto per alcune mansioni. Secondo l’opinione di Daniele Fano, economista per Randstad Reserch:

“la logistica, da ultimo miglio come spesso viene considerata, è invece centrale nello sviluppo del Paese. Non deve arrivare per ultima, ma essere messa al primo posto. Nel mondo attuale non dare assoluta priorità alla logistica è sbagliato. Oggi la ricchezza si concentra dove va il capitale umano, che va nelle città e nei luoghi dove funzionano bene proprio le infrastrutture e i trasporti”. 

Automazione e sostituzione dei lavoratori in ufficio fanno emergere che ci saranno 500 mila posti di lavoro a rischio. Dichiara Fano:

“Per non perdere questi posti di lavoro è necessario formare persone capaci di guidare i robot. Formazione dunque perché i vecchi carrellisti di un tempo si trasformino in tecnici, che è ciò che ho visto fare a una grande azienda di logistica, che invece di licenziare ha formato i propri dipendenti trasformandoli in tecnici, anche perché ci sarà sempre il pacco che arriva male imballato da dover caricare o sistemare a mano. Ma soprattutto la logistica rappresenta il campo ideale per osservare le trasformazioni in atto nel mondo del lavoro. Un settore in crescita, posto dalla trasformazione digitale al bivio tra decrescita dei posti di lavoro per effetto dell’automazione e sviluppo di nuova occupazione per le funzioni richieste dall’innovazione”.