L’asfalto che non ghiaccia: il nuovo progetto francese è incredibile

La società Eurovia ha progettato un sistema particolare che consentirà all'asfalto di non ghiacciarsi favorendo dunque la circolazione in sicurezza dei veicoli

0
93
L'asfalto che non ghiaccia: il nuovo progetto francese è incredibile

La sicurezza, si sa, viene prima di tutto nel mondo dei trasporti. Soprattutto nei paesi soggetti a determinate condizioni climatiche in alcuni periodi dell’anno, la ricerca di nuove tecniche di salvaguardia per gli utenti e in costante sviluppo.

Un nuovo progetto arriva ufficialmente dalla Francia, tramite l’azienda Eurovia la quale ha progettato un particolare tipo di asfalto che impedirebbe la formazione del ghiaccio. In questo momento si tratta ancora di un progetto sperimentale, il quale però ha superato già diversi test. Questa nuova invenzione, denominata PowerRoad, potrebbe comportare tantissimi benefici non solo per la sicurezza ma anche per l’economia. Sarebbe infatti possibile dire addio a tutti i mezzi dedicati allo spargimento del sale al fine di evitare la formazione del ghiaccio sulle strade.

 

Eurovia supera i primi test e sperimenta il nuovo asfalto su un tratto di strada

L’asfalto speciale di Eurovia è stato già testato su un tratto di strada appartenente alla regione di Doubs. L’autostrada A10 a Saint-Arnoult-en-Yvelines è stata infatti rivestita con 500 metri quadri di PowerRoad.

Il principio sul quale questo particolare materiale va a basarsi risulta molto simile a quello adottato per il riscaldamento dei pavimenti. Vengono pertanto impiegate delle tubazioni in profondità rispetto al manto stradale, le quali entreranno in funzione con alcune pompe di calore nel momento in cui le temperature scenderanno sotto lo zero. Tutto ciò consentirà dunque di scongelare lo strato che precede l’asfalto.

Il tutto non impiegherà grosse risorse dal momento che il principio sul quale si basa il PowerRoad di Eurovia comprenderà il recupero dell’energia solare. Questa sarà immagazzinata in alcuni pozzi geotermici che comunicheranno poi con le pompe di calore. Nonostante tutto i costi saranno pari a circa il doppio di quelli sostenuti per la posa di un asfalto tradizionale: bisognerà infatti spendere circa 250 € per metro quadro con oltre il 15% del tempo in più per il processo di posa.