Inquinamento: ecco gli effetti del lockdown in Europa

Gli effetti del lockdown europeo sull'inquinamento sono stati oggetto di studio da parte di diverse agenzie comunitarie che hanno redatto un rapporto.

0
70
inquinamento Diesel Elettrico

Gli effetti del lockdown europeo sull’inquinamento sono stati oggetto di studio da parte di diverse agenzie comunitarie che hanno redatto un rapporto. Pare che diversi fattori abbiano inciso sul dato inerente la concentrazione e la distribuzione degli agenti inquinanti in atmosfera. Fattori come le masse d’aria provenienti dal Mar Caspio in marzo hanno provocato alte concentrazioni di PM10 su gran parte della Pianura Padana nonostante la netta riduzione del traffico. Vediamo cosa si è scoperto.

 

Inquinamento durante l’isolamento Covid-19

La Fondazione CMCC (Centro euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici) e l’Università della Tuscia hanno condotto uno studio non ancora ufficializzato in cui si legge:

“rileva una chiara connessione tra le restrizioni e la riduzione delle emissioni, la cui entità dipende dalle caratteristiche delle aree campionate e dalla rigidità delle restrizioni messe in atto”.

La ricerca, condotta analizzando dati locali, ha registrato la variabilità delle emissioni che hanno interessato le città di Basilea, Berlino, Firenze, Pesaro, Helsinki, Heraklion e Londra. Allo scopo di è utilizzata la tecnica eddy covariance per misurare in maniera precisa lo scambio di anidride carbonica tra un ecosistema e l’atmosfera che la sovrasta.

“La eddy covariance (EC) è una delle metodologie più diffuse per la misurazione dei gas serra e rileva a livello locale lo scambio tra ecosistema e atmosfera dei gas generati da diverse fonti (traffico, riscaldamento, allevamenti, attività produttive, etc) al netto del sequestro delle emissioni (grazie, ad esempio, ad aree verdi nelle città)”.

I risultati ottenuti sono stati i seguenti.

  • Berlino: riduzione delle emissioni di CO2 dell’8%
  • Basilea: riduzione compresa tra il 25 e il 44% (la città è stata suddivisa in due aree, ciascuna con diversi livelli di traffico)
  • Helsinki: riduzione del 40%
  • Firenze: riduzione del 45%
  • Londra: riduzione del 48%
  • Pesaro: riduzione del 66%
  • Heraklion: riduzione del 75%