Incentivi auto, nessun reintegro: si spinge sul car sharing con 50 milioni

Tutti coloro che si aspettavano un reintegro degli incentivi per l'acquisto di un'auto, saranno rimasti delusi: ecco i piani del Governo

0
48

Tutti aspettavano con ansia il nuovo decreto Sostegni-bis, il quale è stato oggetto di discussione nell’ultimo Consiglio dei Ministri. All’interno di questa nuova manovra non rientreranno nuovi incentivi utili alla rottamazione e al conseguente acquisto di un’automobile nuova a basse emissioni.

In poche parole gli incentivi terminati o sulla via del tramonto, non saranno le integrati da altri fondi. Allo stesso tempo però il governo ha ritenuto opportuno trattare il trasporto pubblico locale, parlando di alcuni contributi da offrire alle imprese e alle Pubbliche Amministrazioni. Queste ultime predispongono dunque un piano per tutti gli spostamenti al fine di premiare l’uso del Car sharing, Bike sharing e Bike pooling. Da ora fino alla fine di questo 2021 saranno dunque stanziati 50 milioni di euro:

Al fine di consentire una più efficace distribuzione degli utenti del trasporto pubblico di linea, nonché di realizzare un più idoneo raccordo tra gli orari di inizio e termine delle attività economiche, lavorative e didattiche e gli orari dei servizi di trasporto pubblico locale, urbano ed extraurbano, è istituito un fondo con una dotazione di euro 50 milioni per l’anno 2021.”

Da questa somma, 35 milioni saranno dati alle imprese e alle pubbliche amministrazioni, le quali potranno predisporre entro il prossimo 31 luglio un piano per il proprio personale finanziando dunque iniziative per la mobilità sostenibile. La restante parte, ovvero 15 milioni di euro, sarà destinata invece agli istituti scolastici italiani che potranno quindi predisporre un piano di spostamenti tra casa e scuola del proprio personale ma anche degli alunni.