Grandine e danni alle auto: cosa succede adesso e come comportarsi

La grandine caduta negli scorsi giorni ha generato tantissimi problemi e danni alle auto in Lombardia, ecco quale sarà il decorso

0
41

Ha generato il panico la grandinata che lo scorso 8 luglio ha sorpreso l’hinterland milanese e zone limitrofe.

Tantissimi automobilisti sono infatti rimasti intrappolati nella loro auto o all’interno delle strutture dove si erano recati lasciando il proprio veicolo all’esterno. Una semplice grandinata di certo non avrebbe creato tanto scalpore se non si fosse trattato di chicchi grossi più di una pallina da golf. Proprio per questo la violenta tempesta è stata in grado di far parlare tantissimo di sé, soprattutto visti gli ingenti danni comportati alle città ma soprattutto ai veicoli. Sono infatti stati tantissimi gli alberi sradicati così come i danni alle abitazioni e ai terrazzi di queste ultime, ma quello che sta tenendo in grande apprensione gli automobilisti sono appunto i danni arrecati alle loro automobili. Sono infatti incalcolabili i costi per riparare tutte le auto distrutte, le quali in alcuni casi beneficiavano di un’assicurazione.

Ma cosa succede dopo aver subito una violenta grandinata che magari ha riempito di “bolle” l’auto o che magari ha distrutto i cristalli?

Se avevate una polizza che al suo interno includeva eventi atmosferici, siete salvi, ma al contrario vi toccherà spendere dei soldi. In questo caso si potrà ricorrere ad interventi specifici, i quali ormai sono diventati una vera e propria specialità delle carrozzerie. Si utilizzerà infatti la celebre tecnica dei levabolli, la quale con apposite leve permetterà di far rientrare le ammaccature senza ricorrere alla riverniciatura. Se sarete fortunati, eliminerete tutti i bozzi sulla vostra auto in questo modo, ma con grande probabilità ci sarà bisogno per alcune bolle di una risagomatura con conseguente stuccatura e verniciatura.