Formula 1: Verstappen si riprende la testa della classifica dopo il GP di Turchia

Max Verstappen è tornato ad occupare il primo posto in classifica dopo il podio in Turchia, queste sono le sue dichiarazioni

0
24
Max Verstappen (NLD) Red Bull Racing RB16. 14.11.2020. Formula 1 World Championship, Rd 14, Turkish Grand Prix, Istanbul, Turkey, Qualifying Day. - www.xpbimages.com, EMail: requests@xpbimages.com © Copyright: Batchelor / XPB Images

Max Verstappen si piazza sul podio e riprende la testa della classifica mondiale a spese di Hamilton. Nonostante il pilota olandese non abbia mai avuto l’opportunità di lottare con Bottas per la vittoria finale, c’è grande soddisfazione.

“Oggi non era semplice. La pista era scivolosa, c’era olio. Abbiamo dovuto gestire le gomme per tutta la gara. Non abbiamo mai potuto spingere. Valtteri aveva un passo migliore e potesse gestire le gomme meglio”

L’olandese si è dimostrato molto felice per il podio ma soprattutto per essere tornato il leader della classifica. “Sono contento del secondo posto, perché in queste condizioni è anche facile commettere un errore e perdere posizioni. Nel complesso sono molto contento. La difficoltà è stata gestire le gomme, perché non potevi mai spingere. Potevi fare un certo numero di giri per poi cambiare le gomme. Sono contento di aver conservato il podio”.

Verstappen si è dimostrato inoltre fiducioso per quanto riguarda la prossima gara degli Stati Uniti, proprio per lottare con Hamilton: “La battaglia è stata ravvicinata per tutto l’anno. Sono sicuro che anche ad Austin sarà una bella lotta con la Mercedes. Dobbiamo spingere e continuare a migliorare. Finora la stagione è stata molto buona”.

Grande soddisfazione anche per Sergio Perez dopo il terzo podio stagionale con la Red Bull.

“Gara intensa. Nel primo stint ho lottato con Lewis, poi anche con Charles. La partenza è stata buona. Oggi serviva pazienza, spingere nei momenti giusti e gestire le gomme bene, perché non sai come si sarebbero comportate. Non sapevi se miglioravano o se calavano, è stato complicato gestirle”.