Emissioni nocive delle Auto: UE a pugno chiuso sul NOx

Il Parlamento Europeo ha tutta l'intenzione di stringere i pugni nel contesto delle emissioni. Una situazione come il dieselgate non si può più riproporre.

0
36
emissioni-auto-diesel-ed-elettrico

Il Parlamento Europeo ha tutta l’intenzione di stringere i pugni nel contesto delle emissioni. Una situazione come il dieselgate non si può più riproporre.

Le normative sull’inquinamento delle auto si fanno più serrate. Si punta ad abolire il cosiddetto “fattore di conformità”. Si tratta di un valore che fissa una tolleranza autorizzata tra il limite di emissione di NOx verificato in condizioni di guida reale (RDE) e quello previsto per le Euro 6.

Allo stato attuale tale valore è fissato a  2,1. Tradotto in cifre significa che posto il limite a 80 mg/km (diesel), un’auto potrà essere omologata anche con valori di 150-160 mg/km. Ecco come stanno andando le cose.

 

Parlamento UE contro i vecchi valori delle emissioni

Sono 485 voti favorevoli, 169 contrari e 42 astensioni. Il Parlamento Europeo si prepara ad approvare le nuove direttive in materia di emissioni nocive a partire da settembre 2022, periodo in cui le automobili dovranno mettersi in regola con gli obblighi imposti. La divergenza tra le prove di laboratorio e la guida reale dovranno cessare entro e non oltre la data indicata. Una procedura non repentina ma cui si arriverà con una certa gradualità.

Il Parlamento, tra l’altro, propone anche un progressivo abbassamento annuale. Dopo una iniziale diminuzione immediata da 1,43 a 1,32, dovrebbe bloccarsi a zero entro il 30 Settembre 2022. I dati sui testi in condizione di guida reale saranno usati per determinare il rispetto delle prossime normative UE sulle emissioni NOx. Entro il mese di Giugno 2021 la Commissione stabilirà i requisiti per i sistemi di test RDE. Restiamo in attesa di ulteriori aggiornamenti.