Carburanti: brutta sorpresa per i prezzi a Settembre

Il prezzo dei carburanti aumenta a settembre dopo lo stallo del periodo estivo che ha concesso un po di respiro agli automobilisti in viaggio.

0
75

Il prezzo dei carburanti aumenta a settembre dopo lo stallo del periodo estivo che ha concesso un po di respiro agli automobilisti in viaggio. La calma piatta dei distributori italiani viene rotta da un rialzo del listino notevole comunicato a margine del dettaglio diffuso dall’Osservatorio del MISE. Ecco di quanto stanno per aumentare i rifornimenti alle colonnine.

 

Prezzo dei carburanti in costante aumento: automobilisti oltraggiati dalle nuove rimodulazioni

Dopo quasi 25 giorni di stallo si registra oggi un aumento di 1 centesimo ai distributori della Tamoil rispetto al listino raccomandato per il costo del gasolio. Nel frattempo
arretrano le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo per quanto riguarda la benzina.

Per il momento la situazione è calma ma ci sono da aspettarsi rimodulazioni più o meno importanti sulla stima fornita dall’elaborazione del Quotidiano Energia che cita un prezzario di 1,572 euro/litro per il Self Benzina con oscillazioni che vanno da 1,571 euro al lito fino a 1,597 euro al litro con rifornimento no-logo a 1,556 euro. Per quel che riguarda il diesel, invece, le compagnie passano in rassegna un nuovo tariffario che va da 1,457 a 1,482 euro per litro di carburante con distributori no-logo aventi prezzi medi pari a 1,44 euro al litro.

Per quel che riguarda la modalità servito il prezzo medio praticato è di 1,710 euro a litro per la verde con impianti che oscillano da 1,686 a 1,781 euro/litro con no-brand a 1,608 euro. Per quel che riguarda il diesel servito, invece, la media è di 1,599 euro al litro con punte di 1,685 euro al litro e minimi da 1,493 euro al litro per le compagnie no-logo.

Il GPL, per concludere, si assesta a quota 0,598 euro di minimo con punte a 0,623 euro al litro passando per i distributori no-logo a 0,593 euro.