Bosch: auto elettriche più sicure grazie a micro esplosioni

Bosch crede che delle micro esplosioni siano necessari per garantire la sicurezza di un veicolo elettrico. L'affermazione è curiosa ma non certo campata per aria. Scopriamo l'idea del colosso dei motori nelle scioccanti rivelazioni dei portavoce.

0
71

Bosch crede che delle micro esplosioni siano necessari per garantire la sicurezza di un veicolo elettrico. L’affermazione è curiosa ma non certo campata per aria. Scopriamo l’idea del colosso dei motori nelle scioccanti rivelazioni dei portavoce.

 

Bosch: per avere sicurezza nelle auto elettriche sono necessarie delle piccole esplosioni

Abbiamo sensori che prevengono lo shock elettrico. Sistemi a microprocessore che interpretano i dati di sovralimentazione disattivando il circuito in una frazione di secondo. Ma Bosch ha deciso di andare oltre gli standard progettando un sistema in grado di incrementare la sicurezza in auto per le componenti alimentate a batteria.

Jens Fabrowsky, membro della divisione Elettronica per autoveicoli di Bosch, ha dichiarato:

La tecnologia dei nostri dispositivi ricopre un ruolo fondamentale nella sicurezza dei veicoli elettrici e ibridi”.

Ciò rappresenta una grande sfida per il futuro dell’automotive. La compagnia si impegna nel fornire i sistemi ai costruttori di veicoli allo scopo di incentivare la security in caso di collisione o un-plug della batteria.
Karl-Heinz Knorr, vicepresidente dell’Associazione tedesca dei vigili del fuoco, ha aggiunto:

Di fronte al crescente numero di veicoli elettrici che potrebbero essere coinvolti in incidenti, tali sistemi sono assolutamente essenziali se vogliamo compiere la nostra missione di aiutare e soccorrere le vittime di incidenti stradali nel modo più rapido e sicuro possibile”.

I nuovi semiconduttori Bosch realizzano delle cariche esplosive in miniatura su dispositivi di dimensione 10 x 10mm che spengono sezioni di collegamento tra cavo e batteria ad alta tensione. Il flusso di corrente viene interrotto dal cavo al supporto così che l’elettronica di potenza venga tutelata contro incendi e rischio di shock elettrico.