Bonus Mobilità: ci sono regole precise da rispettare, parla il Senatore Comincini

Per quel che riguarda il bonus mobilità esistono delle regole ben specifiche da rispettare, secondo quanto ascritto dal Senatore Comincini.

0
77

Per quel che riguarda il bonus mobilità esistono delle regole ben specifiche da rispettare, secondo quanto ascritto dal Senatore Comincini. L’artefice del nuovo concept semplificato della mobilità sostenibile interviene a favore del nuovo decreto che prevede l’elargizione dei fondi da 120 milioni di euro stanziati per offrire ai cittadini fino a 500 euro di contributo sull’acquisto di bici, eBike, monopattini elettrici ed altri veicoli di micro mobilità elettrica.

In merito agli incentivi previsti dal Decreto Rilancio il Senatore si è espresso con uno sprezzante commento chiarificatore che riportiamo dopo la sua intervista.

 

Bonus mobilità elettrica: l’intervento di Eugenio Comincini

“Sento dire invece di pagare la Cassa Integrazione questi qui pensano ai monopattini”. Niente di più populista e miope. E vi spiego perché: lo stanziamento di 120 milioni di euro per questo bonus proviene dalle aste verdi. Parliamo di una tassa prevista da un decreto del 2013 che si paga sulle emissioni impattanti sull’atmosfera e che, sempre per previsione di legge, può e deve essere spesa solo per misure che abbiano la finalità di migliorare la qualità dell’aria. Il bonus mobilità, appunto, ci rientra appieno. Mentre non potrebbero rientrarci il pagamento di cassa integrazione, reddito di emergenza e altre misure importanti che, indubbiamente, servono ai cittadini e per le quali sono comunque già stati stanziati i soldi. Soldi dunque utilizzabili certamente in molti modi, ma non certo “dirottabili” su fondi per welfare e lavoro”.

In seconda battuta il Senatore ha colto l’occasione per rimandare gli utenti alle FAQ disposte in merito all’argomento che trova spazio sul portale ufficiale del Ministero dell’Ambiente.