Bonus Decreto Rilancio: in studio incentivi da 4000 euro per la rottamazione auto

Prosegue la discussione su quelli che possono essere i possibili bonus spesa da usare in Italia per fornire una spinta ad un mercato auto in contrazione.

0
75

Prosegue la discussione su quelli che possono essere i possibili bonus spesa da usare in Italia per fornire una forte spinta ad un mercato auto in forte contrazione. Nei primi mesi del 2020, infatti, il dato negativo ha fatto segnare praticamente zero auto vendute, contro invece un 2019 che aveva registrato parecchi successi sulla vendita al dettaglio di auto private ed aziendali.

Con lo scopo di incentivare la mobilità privata nel rispetto dell’ambiente si valuta l’azione del Decreto Rilancio e dei nuovi incentivi introdotti dalla proposta del sottosegretario allo Sviluppo economico Alessia Morani. Conta di prevedere un’estensione importante degli ecobonus a favore dell’acquisto di auto di ultima generazione. Secondo le stime le auto inquinanti parcheggiate ai box sarebbero oltre 350.000.

 

Incentivi auto: ecco i nuovi ecobonus in Italia

Un emendamento al Decreto Rilancio proposto da Pd, Iv e Leu a firma di Gianluca Benamati, di Guglielmo Epifani e di altri deputati è giunto nelle ultime ore della gironata di venerdì, quando si è finalmente dato il via libera ai nuovi doppi incentivi. Si punta tutto in direzione dei veicolo Euro 6 con emissioni di C02 superiori a 61g/km. In caso di rottamazione di un’auto con almeno 10 anni di età, lo Stato contribuirebbe con 2.000 euro di bonus a cui se ne aggiungerebbero ulteriori 2.000 euro da parte delle concessionarie. In totale, lo sconto sarebbe di 4.000 euro.

Senza prevista rottamazione il buono scende a 1000 + 1000 euro per una misura che se confermata dovrebbe entrare in vigore già dal prossimo mese di luglio 2020. Una misura che, secondo indiscrezioni, potrebbe mantenere validi i suoi effetti fino a fine anno. Adesso tocca alla politica che dovrà prendere una decisione sull’approvazione o il veto alla proposta.