Boeing 737 Max: la produzione è stata sospesa

La fase di produzione dei celebri Boeing 737 Max è stata sospesa per decisione della stessa compagnia dopo i recenti disastri aerei.

0
67

La fase di produzione dei celebri Boeing 737 Max è stata sospesa per decisione della stessa compagnia dopo i recenti disastri aerei. Si ricordano i voli Lion Air 610 e Ethiopian 302 che sono costati la vita a ben 346 passeggeri. Il costruttore statunitense non ha definito quanto durerà la fase di stop ed al momento non ci sono informazioni sufficienti per stabilirlo.

 

Addio produzione dei Boeing 737 Max

Stando alla ricostruzione dell’incidente pare che un problema software abbia causato la caduta dei velivoli. Il sistema anti rollio non ha funzionato a dovere ed a farne le spese sono state le persone coinvolte nelle due tragedie.

Il progetto 737 Max nasce in risposta all’Airbus A320neo, più nuovo e più efficiente nei consumi. Invece che progettare un nuovo aereo, per contenere i costi Boeing ha deciso di ammodernare il solito 737, montando dei motori più grandi e più efficienti, che però dovevano essere montati in posizione più avanzata. Questo incrementava le possibilità di stallo in alcuni particolari scenari.

Un errore di ridondanza dei sensori ha causato il tragico epilogo in quanto i sensori non sono stati in grado di segnalare al pilota la presenza del pericolo. Il nuovo sistema di sicurezza ha fallito miseramente.

Attualmente Boeing 737 Max non è autorizzato a volare da nessuna agenzia aeronautica al mondo. In magazzino restano fermi oltre 400 aerei. Non si sa per quanto tempo ancora. Boeing ha aperto un fondo da 100 milioni di dollari per risarcire e assistere i famigliari delle vittime. L’amministratore delegato Dennis Muilenburg, inoltre, è stato privato della sua posizione nel consiglio di amministrazione dell’azienda.