Batteria auto: ecco perché l’inverno rappresenta un pericolo

Per la batteria dell'auto l'inverno può rappresentare un enorme pericolo. La rigidità del clima grava sulla salute del componente.

0
68

Per la batteria dell’auto l’inverno può rappresentare un enorme pericolo. La rigidità del clima grava sulla salute del componente. Il sistema, difatti già provato dalle incandescenti temperature estive, risente dello sbalzo termico che crea gravi problemi all’intera autovettura. Ecco che cosa potrebbe succedere e quali sono i problemi più comuni.

 

Problemi comuni alla batteria auto: in inverno la situazione peggiore

In presenza di una batteria deteriorata l’intera automobile ne risente. Questo è il motivo per cui in fase di revisione del veicolo non si controlla solo lo stato di gomme, luci, freni e sistema di rabbocco dei fluidi. Le officine controllano anche lo stato di usura della batteria. Infatti, secondo uno studio elaborato dall’ADAC, nel 40% dei casi i guasti alla macchina siano causati dal malfunzionamento della batteria.

Secondo le stime, in Italia  sono circa il 32% le vetture dotate di una batteria in gravi condizioni. Poco meno di 20.000 milioni di auto, proprio per questo, sono a rischio guasti importanti e potrebbero smettere di funzionare improvvisamente. Le cause che portano ad un rapido decadimento delle prestazioni della batteria sono molteplici e tra queste:  il funzionamento continuo del lunotto termico, dei fari, dei tergicristalli o del riscaldamento del parabrezza.

Almeno una volta l’anno è necessario fare un controllo per accertare lo stato di corretto funzionamento della batteria ed in caso procedere alla sua sostituzione. Il calore, in particolare, è il maggiore responsabile dei problemi. Christian Rosenkranz, Vice President Engineering Johnson Controls Power Solutions, sostiene che:

“Molti automobilisti credono che sia solo il freddo a provocare danni alla batteria, ma è il caldo che la inizia a farla deteriorare. L’autoscarica della batteria e l’invecchiamento precoce delle sue componenti elettrochimiche non provocano immediatamente il guasto della batteria, ma contribuiscono al suo consumo”.