Auto: Verona conquista il fondo della classifica con oltre 35 mila auto Euro 0

Verona insignita maglia nera del segmento auto con oltre 35 mila veicoli appartenenti alla fascia Euro 0 nonostante i recenti incentivi pubblici della Legge Rilancio.

0
38
emissioni-auto-diesel-ed-elettrico

Verona insignita maglia nera del segmento auto con oltre 35 mila veicoli appartenenti alla fascia Euro 0 nonostante i recenti incentivi pubblici della Legge Rilancio. L’indagine condotta da Facile.it ha inquadrato una situazione drammatica sulla base di quelli che sono stati i dati prelevati dal database privato del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, secondo cui oltre il 26% delle automobili sarebbero Euro 3 o inferiori. Ecco i dettagli.

 

Auto inquinanti: Verona supera tutti (e non in bene)

A partire da Agosto ci sono gli incentivi statali per il passaggio alle auto Euro 6. Una novità fondamentale accolta con positività al punto da esaurire il fondo da 50 milioni di euro in meno di una settimana. Eppure nei registri della Motorizzazione Civile c’è ancora parecchio spazio per 177.505 automobili Euro 0, corrispondenti al 5.58% del totale vetture ad uso privato in circolazione.

Il quadro peggiora, però, se si allarga l’analisi sino agli Euro 3. In totale, le auto private Euro 0-1-2-3 presenti nell’Archivio Nazionale dei Veicoli della Motorizzazione registrate nella regione, sono ancora più di 854mila.

La peggiore città è sicuramente Verona con 35.933 auto private Euro 0. Segue Treviso con 34.489 e Padova con 33.164 auto ad alto inquinamento. Se passiamo alle Euro 1-2-3 la situazione precipita a Rovigo, dove il 29.77% delle auto appartiene alla zona sottostante le Euro 4 seguita a ruota da Vicenza, Treviso, Verona e Padova.

Sempre stando all’indagine, in molti continuerebbero a circolare con mezzi vetusti per risparmiare, ma vetture con 15 anni o più alle spalle, oltre ad essere dannose per l’ambiente e potenzialmente meno sicure sulle strade, avrebbero anche un peso maggiore sulle finanze degli utenti della strada, con costi maggiori non solo su manutenzione e carburante, ma anche sull’RC auto.