Auto sempre più multimediali grazie a Qualcomm ed LG

Qualcomm ed LG collaborano affinché il mercato delle auto si spinga più avanti nella gestione dei sistemi integrati per gli infotainment.

0
53

Qualcomm ed LG collaborano affinché il mercato delle auto si spinga più avanti nella gestione dei sistemi integrati per gli infotainment. Hanno deciso di rafforzare la propria intesa al comune progetto instaurando la piattaforma webOS auto di nuova generazione. La piattaforma con sistema operativo made by LG sarà finalizzata ad offrire un severo valore aggiunto all’esperienza di guida per una soluzione che diverrà pubblica nel contesto del prossimo CES 2020 in programma a Gennaio a Las Vegas. Ecco quali saranno le novità.

 

Auto sempre più connesse e multimediali: Qualcomm ed LG sono forza unica per il futuro dell’automotive moderno

In una nota si riportano i punti di forza congiunti della piattaforma in questione. In relazione alla Qualcomm Snapdragon Automotive Development Platform (ADP), su base webOS Auto Si può leggere:

“le aziende puntano a offrire un’esperienza in auto smart, ottimizzata e più confortevole per guidatori e passeggeri”.

Il nuovo sistema operativo si basa su Linux ed è destinato ad ospitare le componente infotainment dei veicoli di prossima generazione. La sudcoreana ha recentemente annunciato lo sviluppo e l’immediata disponibilità di webOS Open Source Edition 2.0, che permetterà agli sviluppatori di sperimentare alcune funzionalità che saranno incorporate in webOS Auto.

Per Snapdragon ADP, invece, si conferma un pacchetto tecnologico in grado di offrire tecnologie di infotainment supportate da Intelligenza Artificiale (AI), con grafica avanzata adatta a configurazioni di display multipli ad alta risoluzione, sia anteriori che posteriori (rear-seat entertainment RSE), per lo streaming di contenuti multimediali ultra HD.

Il Presidente e CTO LG Electronics, I.P. Park, si è detto pienamente soddisfatto della nuova collaborazione Qualcomm, con cui ha inoltre stabilito una partnership parallela per la fornitura di servizi su device 3G, 4G e 5G a livello mondiale nonostante i vissuti giudiziari tra le due compagnie.