Auto GPL: rischio blocco alla circolazione, ecco cosa succede

Ultimamente si è fatto un gran discutere in merito al blocco della circolazione stradale per le auto con alimentazione a GPL.

0
80

Ultimamente si è fatto un gran discutere in merito al blocco della circolazione stradale per le auto con alimentazione a GPL. Il collaudo degli impianti presso le sedi delle Motorizzazioni Civili sta richiedendo molto più tempo del previsto. Ecco che cosa sta succedendo.

 

Auto GPL: blocco circolazione per problemi al collaudo degli impianti

A sollevare la questione GPL è stato il capogruppo Pd, Davide Gariglio, in Commissione Trasporti della Camera, nel corso della discussione di una interrogazione sul tema. L’esponente del Partito Democratico ha fatto sapere che:

 ”Sarà necessaria una norma transitoria per permettere agli attuali veicoli gpl di continuare a circolare: si tratta di un parco macchine che è cresciuto enormemente nel nostro paese negli ultimi tempi ma che avrà grosse difficoltà di utilizzo perché in tutta Italia gli uffici periferici della Motorizzazione (ed in particolare a Torino ed in Piemonte), a causa della cronica carenza di personale, non riescono infatti a collaudare nei tempi previsti i mezzi dopo la sostituzione decennale dei serbatoi”.

Tutto nasce da una carenza di organico tra le file della Motorizzazione Civile che sta richiedendo un anno di tempo per adempiere agli obblighi di collaudo dopo la sostituzione programmata del serbatoio. Secondo la normativa comunitaria siglata ECE/ONU 67/01 il serbatoio delle auto dotate di impianto GPL ha una “data di scadenza” pari a dieci anni. Entro tale termine occorre controllare gli impianti.

Ad aggravare la già difficile situazione è il fatto che la MC dovrà fare fronte ad ulteriori richieste in ingresso per il collaudo degli impianti GPS delle auto. Il mercato cresce ed i tempi stringono. Grazie agli incentivi statali, difatti, gli anni 2009 – 2011 hanno potuto conoscere un boom di conversioni degli impianti a combustibile. La proposta per snellire la situazione sarebbe quella di provvedere all’auto certificazione presso le officine autorizzate.