Auto elettriche: 10 paesi europei hanno meno di una colonnina di ricarica ogni 100Km

Nonostante le auto elettriche stiano crescendo nel numero, ci sono ancora alcuni paesi che contano poche infrastrutture di ricarica

0
31

Il mondo delle auto elettriche diventa sempre più presente all’interno del panorama automotive, nonostante le infrastrutture di ricarica scarseggino ancora. Secondo una nuova indagine condotta da ACEA, ci sarebbero almeno 10 paesi nell’Unione Europea con un numero di colonnine di ricarica troppo basso. Si parlerebbe addirittura di meno di una colonnina ogni 100 km di distanza. 

Per quanto riguarda l’Italia, ci sono 5,1 punti di ricarica ogni 100 km, non male se si guarda poi alle classifiche generali.

I migliori 5 paesi:

  • Olanda: 47,5
  • Lussemburgo: 34,5
  • Germania: 19,4
  • Portogallo: 14,9
  • Austria: 6,1

I peggiori 5 paesi:

  • Lituania: 0,2
  • Grecia: 0,2
  • Polonia: 0,4
  • Lettonia: 0,5
  • Romania: 0,5

I consumatori non saranno in grado di passare ai veicoli a emissioni zero se non ci sono abbastanza stazioni di ricarica e rifornimento lungo le strade in cui guidano. Ad esempio, se i cittadini di Grecia, Lituania, Polonia e Romania devono ancora percorrere 200 km o più per trovare una colonnina, non possiamo aspettarci che siano disposti ad acquistare un’auto elettrica. Dovranno essere compiuti enormi progressi nella realizzazione delle infrastrutture in tutta l’UE in un lasso di tempo molto breve. I progressi fatti in alcuni paesi dell’Europa occidentale sono incoraggianti, ma non dovrebbero distrarci dallo stato disastroso della rete di ricarica in altri paesi dell’UE.”

ACEA dunque consiglia al parlamento e al consiglio europeo di accelerare, in modo da rendere tutto molto più capillare anche per quanto concerne le infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici.