Android Auto VS Apple CarPlay: chi è il migliore in auto?

Android Auto è meglio di Apple CarPlay? Scopriamolo attraverso una attenta analisi delle funzionalità offerte dai due ecosistemi automotive.

0
78

Android Auto è meglio di Apple CarPlay? Scopriamolo attraverso una attenta analisi delle funzionalità offerte dai due ecosistemi automotive.

 

Android Auto sfida Apple CarPlay: ecco chi vince la contesa

I due strumenti principe del segmento infotainment in auto sono quelli concepiti da Google ed Apple. Sono tra loro diversi per grafica e funzioni ma ormai si offrono in veste a 500 modelli di auto compatibili. Acquistano ulteriore valore aggiunto grazie alle nuove possibilità offerte dalla connettività wireless.

In entrambi i casi le versioni più recenti hanno introdotto migliorie importanti a livello di interfaccia. CarPlay by Apple si installa in automatico dall’iPhone con iOS 13. Si adatta bene alle diverse risoluzioni dei display delle auto compatibili, il che vuol dire che non avremo zone morte dello schermo. Ciò non accade con Android Auto, che in alcuni casi oscura alcune porzioni dei display sui sistemi di alcune vetture come la Kona Hybrid.

Anche in termini di design le cose cambiano parecchio con Android Auto che mantiene il layout delle app attive a pieno schermo con drawer e CarPlay che offre, invece, una comoda dashboard interattiva. Due le sezioni principali per Apple con la barra sul lato sinistro che mostra l’orologio in sovra impressione, le indicazioni sulla rete dati dello smartphone, un elenco delle ultime tre app aperte in ordine cronologico o rimaste aperte in background, e il tasto per passare dalla Dashboard al menu delle app. La scrivania occupa l’80% dell’interfaccia e qui troviamo una finestra attiva con la visualizzazione delle mappe, un riquadro con le indicazioni testuali per raggiungere i punti d’interesse e uno con i comandi per la musica. Le info delle Mappe sono bloccate su Apple Maps sebbene sia possibile usare app di terze parti come Google Maps e Waze.

Android Auto non ha la dashboard. Troviamo una UI incentrata sulle app con un menu visualizzazione delle mappe, un riquadro con le indicazioni testuali per raggiungere i punti d’interesse e uno con i comandi per la musica. Alla base troviamo una barra di navigazione che contiene una sorta di tasto home. Questo tasto porta all’ultima applicazione aperta o all’elenco delle applicazioni a seconda della schermata in cui ci troviamo. Non manca il tasto per attivare l’assistente Google. Vince su CarPlay per il fatto di riuscire a richiamare le notifiche perse.

Per la parte della connessione, invece, si ricorre al cavo USB a meno di non possedere un’auto di ultima generazione predisposta per la connettività senza fili. Collegando lo smartphone all’infotainment si attiva in automatico l’interfaccia dell’uno o dell’altro sistema in base al sistema operativo del dispositivo utilizzato. Il passaggio a quest’ultima è rapidissimo e in pochi secondi si è pronti per sfruttarne tutte le funzionalità.

L’approccio Android prevede la continuazione delle operazioni dallo smarpthone tramite Impostazioni. Non possiamo scegliere tra tema chiaro e tema scuro ma c’è la modalità Non Disturbare come su CarPlay. Quest’ultimo offre un vero e proprio menu di impostazione che permette di regolare i principali parametri direttamente on-board.

In ambo i casi abbiamo l’assistente vocale che in nessun caso può sostituire la fedeltà di un approccio manuale alle funzioni. Lentezza nelle risposte ai comandi, necessità di impartire comandi ben precisi e una ancora scarsa quantità di “contenuti” su entrambe le piattaforme sono solo alcune delle lacune da colmare. L’interpretazione della lingua italiana resta un problema da risolvere per gli sviluppatori.

Tra le due soluzioni ci sentiamo di premiare Apple CarPlay vista la sua scarsa invasività, l’ottima UI, la dashboard e la sezione Impostazioni. Android Auto, del resto, si apprezza per la gestione delle notifiche e la nuova configurazione che permette di avere accesso ad un elenco delle applicazioni. Da migliorare l’adattamento a schermo e le Impostazioni.